La videochat di Chatroulette

January 3rd, 2013 | Posted by admin in Anthony's Italian

chatroulette

La videochat di Chatroulette ha fatto la storia di internet o quantomeno ha dato il suo contributo. Basterà scire per strada e chiedere anche a chicchessia, anche un perfetto sconosciuto se conosce o meno chat roulette e ci sentiremo rispondere, con quasi matimatica certezza, che ne ha sentito parlare. Quindi anche ammesso che non ne faccia uso in prima persona è quasi certo che uno dei suoi amici o conoscenti gliene abbia parlato. Cosa si deduce da tutto ciò? Ovviamente che non stiamo parlando di un sito qualsiasi ma di un sito un po’ particolare. Non fosse altro che vanta milioni di utenti connessi da tutto il monto ogni mese ed è stato finanziato con appena 10000 $ dai genitori di un ragazzo russo, il quale ha avuto una semplice ma prillante idea mentre guardava un film in tv. Insomma… parliamo di uno di quei sogno che molti di noi forse hanno o hanno avuto in passato: quello di arricchirsi grazie a internet. Questo è quello che questo scaltro e geniale ragazzo russo è riuscito ad ottenere e bisogna dargliene merito visto che ha creato un sito gratuito e per tutti. Chatroulette.com è quindi un sito di successo ed ha avuto il merito di rimanere fedele a se stesso e quindi gratuiti per anni. Purtroppo oggi la situazione sembra cambiata e questo è dovuto ai numerosi abusi che si sono verificati sul sito. Ovviamente il gestore del sito non è in grado di monitorare ciò che su esso avviene 24 ore su 24 ed è stata quindi necessaria l’introduzione di una misura cautelativa e di contenimento. Attualmente per accedere a Chat roulette è necessaria la registrazione tramite email oltre che la verifica con il proprio account Paypal… quindi la musica è decisamente cambiata e chatroulette non è più quello di un tempo. Purtroppo questa è stata una mossa assolutamente necessaria e che certamente produrrà un picco nel numero di utenti che regolarmente usano il servizio. Comunque sia Chatroulette rimarrà nella storia. E questo sia che continui a scriverla e sia che smetta di farlo!

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 You can leave a response, or trackback.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>